L’eutanasia alle porte


terry-schiavo

La triste storia della concittadina italiana Eluana Englaro e la strumentalizzazione politica che ne viene fatta, per promuovere l’emanazione di una legge che consenta l’eutanasia, hanno giustamente imposto una seria riflessione e un’accurata preparazione per far fronte alla campagna di informazione distorta che la lobby anti-vita sta riversando sui nostri media. continua…

30 anni di “vita” della 194


194

Quali risultati ci si potrebbe attendere da una legge dal titolo “Norme per la tutela sociale della maternità…” e che nel primo articolo afferma: “Lo Stato riconosce il valore sociale della maternità e tutela la vita umana dal suo inizio” ?
Risposta: 4 milioni e 870 mila aborti in 30 anni, bimbo più, bimbo meno.

continua…

 

Referendum sulla fecondazione artificiale: che fare?


tecnico-fivet

A distanza di un anno dall’approvazione in Italia della Legge 40 “Norme in materia di procreazione medicalmente assistita”, la raccolta delle firme necessarie per 5 referendum abrogativi riaccende il dibattito civile e politico sull’argomento.

Oggi, in realtà, si prefigura non una semplice disputa fra opinioni diverse, ma una vera e propria battaglia, dove la posta in gioco è, prima di tutto, la verità sull’essenza stessa dell’uomo.

Sarebbe sbagliato, infatti, tentare di ridurre la discussione e il confronto sul sì o no alla legge. La risposta, semmai, sarà il punto di arrivo di una riflessione che va articolata almeno su tre piani ben distinti: il principio morale, la situazione legislativa e il contesto culturale. continua…

Fecondazione artificiale e dintorni


provetta

Lo scorso 11 dicembre 2003, al termine di un estenuante iter parlamentare durato due legislature, il Senato ha definitivamente approvato il disegno di legge in materia di procreazione medicalmente assistita.

La solita campagna di disinformazione condotta dai principali quotidiani, ha accreditato la tesi secondo la quale la legge fosse emanazione dei cattolici, riproponendo la medievale contrapposizione tra guelfi e ghibellini: gli oscurantisti cattolici, nemici della scienza, da una parte; i laici, sostenitori della libertà individuale e dei diritti delle donne, aperti al progresso, dall’altra.

continua…

Pillola abortiva RU 486:“pesticida umano”


ru486

“Più veloce, meno costoso, meno invasivo”. “L’aborto farmacologico è conosciuto e sperimentato da tempo in diversi Paesi europei; era ora che fosse consentito anche in Italia”.

A dar retta alle sirene che incantano sui principali quotidiani nazionali, si rischia veramente il naufragio.

Secondo i promotori, l’aborto chimico riduce l’impatto clinico sulla donna e consente un risparmio economico al Servizio Sanitario Nazionale. Ma prima di esporre le nostre ragioni vediamo esattamente come funziona. continua…